PUNTI DEI MERIDIANI ENERGETICI E PSICOKINESIOLOGIA

di Alessandra Marino

Secondo la Kinesiologia, una tecnica nata in America agli inizi degli anni Sessanta per opera del chiropratico Dr. Goodheart, esiste una relazione tra i muscoli dell’organismo ed i meridiani energetici dell’agopuntura e cioè i canali in cui scorre l’energia vitale. Infatti Goodheart applicò in ambito clinico i test muscolari già sviluppati per l’ambiente sportivo da Henry O. Kendall e Florence P. Kendall negli anni Quaranta.

TRIANGOLO MERIDIANO MUSCOLO ORGANOGoodheart infatti  scoprì come squilibri a carico di specifici Meridiani Energetici si riflettano in squilibri a carico di muscoli o gruppi muscolari specifici, conducendolo così allo sviluppo di un concetto fondamentale: il Triangolo Muscolo – Organo – Meridiano. Esso indica come uno squilibrio che si manifesti in uno qualsiasi di tali tre Elementi del Triangolo influenzi direttamente gli altri due ad esso correlati. Studi successivi hanno rivelato che esiste anche una forte relazione tra emozioni e l’energia dei meridiani e tecniche di kinesiologia emozionale tra cui la Psicokinesiologia Integrativa dello Sviluppo© integrano la potenza della millenaria cultura della medicina cinese, con le scienza delle emozioni per proporre nuove soluzioni di benessere a chi ne vuole usufruire.

La kinesiologia tramite il test muscolare riesce a determinare se l’energia circola correttamente nei 12 meridiani che regolarizzano le energia dello Ying e dello Yang. I meridiani vengono denominati in base alla funzione vitale alla quale sono associati, Quando si identifica un blocco di energia in un meridiano, non necessariamente c’è una patologia nell’organo correlato, ma ci può essere qualche disturbo più o meno importante. Se questa energia scorre, come l’acqua di un fiume scorre senza ostacoli, la persona è in buona salute e nel pieno del proprio slancio vitale. Se però il flusso è ostacolato o interrotto l’energia è interrotta o ristagnante, l’organismo ne risente e questo stato di cose può portare in caos il corpo fisico e aprire la porta a una serie di malattie.

diagramma_dei_5_elementiPiù spesso di quanto si possa credere i blocchi delle energie dei meridiani sono originati da alcune emozioni che l’organismo non riesce a decodificare, a gestire o a metabolizzare. Spesso durante il nostro percorso esistenziale, nel corpo avviene qualcosa di importante al livello emozionale che la mente conscia e razionale non riesce a vedere né a comprendere. In questi casi disturbi psico-somatici cominciano a dare una serie di problemi, a cui la medicina tradizionale non sa dare alcuna risposta. I Meridiani Energetici possono mantenere memoria di forti paure, di fobie e di emozioni compulsive che si attivano quando uno stimolo associato viene riconosciuto. Quindi i meridiani, come anche gli stati posturali, possono contenere degli stati di blocco associati a determinati stress, che si attivano quando si attiva l’interruttore dello stress. In questi casi è fondamentale, per risolvere il disturbo psicosomatico, riconoscere sia l’emozione coinvolta, che l’età di causa in cui questa si è originata, per ricostruire la storia di quel blocco e trasformarla energeticamente. Infatti è fondamentale integrare quella particolare esperienza e  quello che era importante imparare da quella situazione, per non doversi più trovare a rivivere quella particolare lezione evolutiva.

Insomma i meridiani, se letti e interpretati con il test kinesiologico e il test emozionale, possono fornire una storia vera e propria delle tappe interrotte del nostro sviluppo di crescita ed evoluzione.

meridiani energeticiLa medicina cinese sviluppa una concezione cosmologica nella quale l’uomo è costruito sullo stesso modello dell’ambiente naturale: la sua forma corrisponde alla terra (Yin) mentre la sua funzione e fisiologia corrisponde al cielo ( Yang). Le influenze reciproche tra questi due poli stimolano e modificano in modo permanente il funzionamento della forma.

Un meridiano è un sistema organico complesso che mette il relazione le varie parti del corpo, in particolare l’interno dove si trovano gli organi con l’esterno, la pelle e i cinque sensi.

I meridiani garantiscono la trasmissione delle informazioni energetiche che arrivano dall’esterno verso l’interno per permettere l’adattamento dell’organismo adeguato ai cambiamenti del corso di vita. Quindi i meridiani ci possono raccontare tutte le volte in cui emozioni o fattori relazionali hanno messo a dura prova il nostro organismo lasciandoci sopraffatti o bloccati nei confronti di particolari situazioni della nostra vita.

Con la Psicokinesiologia Integrativa dello Sviluppo è possibile lavorare e indagare attraverso l’energia dei meridiani, sulle nostre relazioni, e su eventuali inadeguatezze rispetto ad aree di vita o ambiti emozionali specifici, per recuperare un importante potenziale sia energetico che prettamente emozionale e attraversare un particolare “disturbo” per arrivare ad un alto livello di consapevolezza e benessere mai immaginato prima.

DSCN3475La Psico-Kinesiologia grazie al test muscolare, individua le emozioni correlate ai meridiani coinvolti in un disturbo specifico e il più delle volte misterioso, e offre così la possibilità di avere accesso alla memoria più profonda e intima del corpo, avendo la possibilità di decodificare il funzionamento di quel “soffio vitale” in relazione alle esperienze di vita più problematiche, introducendo la persona ad una migliore gestione del potenziale energetico che le appartiene per diritto naturale.

Nella profondità della memoria delle nostre cellule è sempre possibile rintracciare la genesi delle nostre difficoltà e la via alle soluzioni per il nostro benessere.

 

 

 

No related posts.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>